Francescosciortino's Blog

Just another WordPress.com site

NO ORDINARY FAMILY: Gli incredibili poco credibili

NO ORDINARY FAMILY:

Gli incredibili poco credibili

 

E’ stata lanciata come probabilmente una delle serie più interessanti della nuova stagione telefilmica, ma, almeno personalmente credo abbia deluso le attese. No ordinary family vanta un cast eccellente di ottimi attori. Protagonisti infatti sono Michael Chiklis, ammirato in The Shield, Julie Benz già vista in Dexter, Stephanie Kay Panabaker di Summerland, la Taylor di The O.C. Autumn Reeser e l’eterno reverendo Camden di Settimo Cielo Stephen Collins. Nonostante tutto però la serie sembra un mix di cose già viste. Una famiglia sopravvive ad un disastro aereo (Vi ricorda niente?), in seguito ad un viaggio organizzato da Jim Powell per salvare moglie e figli da una crisi familiare ormai prossima e si ritrova piena di superpoteri in seguito ad un bagno nelle acque del Rio delle Amazzoni. Questi personaggi altro non sembrano che cloni presi qua e li da vari fumetti e sceneggiature di supereroi. Infatti il padre e capofamiglia, Jim, che lavora in polizia come disegnatore, acquisisce i poteri di invulnerabilità e una forza sovraumana, che ricordano “la cosa” ne  I fantastici quattro (tra l’altro interpretata dallo stesso Chiklis); la madre Stephanie, che fa la scienziata, il dono della super velocità che ricorda il vecchio Flash; Dafne, la figlia maggiore, invece possiede il dono della telepatia, che scopre tra un dramma adolescenziale e un altro, che non può che riportarci alla mente i poteri di Matt Parkerman di Heroes; ed infine JJ che dall’avere problemi di apprendimento acquisisce la super intelligenza che ricorda i poteri del Superman della versione Red Son, ritrovandosi il primo della classe. No ordinary family sembra la classica manfrina che descrive la confusione dei protagonisti del ritrovarsi onnipotenti, i vantaggi che ne derivano, i rischi che ne comporta, come mantenere il segreto e le classiche domande che si pongono su da dove provengano tali poteri. Insomma la serie appare noiosa, scontata e banale e tutto irrimediabilmente già visto, condita dall’aggravante che vedere come antagonista il reverendo Camden fa anche un certo effetto! Insomma, se “Da un grande potere derivano grandi responsabilità” quello dei supereroi della tv dovrebbe essere quello di entusiasmarci e No Ordinary Family non entusiasma per niente!

 


ottobre 21, 2010 Posted by | Telefilm | , , , , | Lascia un commento

Super eroi ed eroi per caso a confronto

Super eroi ed eroi per caso a confronto

Il mondo dei telefilm spesso è invaso da eroi che, chi in un modo, chi in un altro, cercano di salvare l’umanità dai pericoli che possono minacciarla. Chi infatti non pensa a Hiro Nakamura, capace di portare avanti e indietro il tempo con la semplice forza del pensiero e gli altri Heros che riescono a svolazzare per i vostri teleschermi, leggere nei vostri pensieri, o autorigenerarsi come Claire Bennet? Analizzando questi eroi ci viene alla mente un altro personaggio sovraumano, ovvero il superman di Smallville Clark Kent, interpretato da Tom Welling. C’é da dire che Clark riesce a collezionare super poteri che gli permettono di raggiungere il canone del supereroe perfetto, quasi invulnerabile, con grande forza fisica, capace di schivare i proiettili in pieno stile Matrix e senza talloni d’achille. Una sorta di eroe è anche il Chuck Bartowski della serie Chuck di Josh Schwartz. Il Nerd del Buy More possiede nella sua testa tutti i segreti governativi di CIA ed National Security e da imbranato commesso si trasformerà in un agente segreto, non tanto impavido come il Mel Gibson di Braveheart. Tuttavia il Chuck che vediamo assume quasi la connotazione dell’antieroe, dato che la maggior parte delle volte è spesso costretto a rimanere in macchina dagli agenti segreti Sarah, di cui il Nerd si è perdutamente innamorato, e lo scontroso Casey. Altro eroe per caso che possiede un dono particolare è Gary Hobson in Ultime dal cielo, costretto a salvare gli abitanti di Chicago a causa di un gatto postino che ogni mattina provvede a consegnargli puntualmente il giornale del giorno dopo. Un altro esempio di eroe umano è sicuramente l’agente Jack Bauer di 24 che in sole 24 ore riesce a salvare moltissime vite senza perdere mai la lucidità e nel finale della prima serie riuscirà addirittura a mettere K.O. un’intera organizzazione criminale senza rimetterci le penne. Infine consentitemi di concludere citando Keith Scott di One Tree Hill. I fan del teen drama staranno storcendo un po’ il naso, dato che Keith non ha alcun super potere ma è una persona come tante. Tuttavia Keith esce di scena da Tree Hill da vero e proprio eroe, perché, durante il sequestro della scuola da parte di Jimmy Hedwards, riesce a consentire a Lucas di uscire con Peyton ferita e di salvarle la vita, ma purtroppo questo gesto gli costerà la propria, ucciso da chi non ti aspetti, ovvero dal fratello minore Dan. Eh già! Forse tra tanti eroi sovraumani, pieni di poteri straordinari quello che si avvicina ad esserlo di più paradossalmente è proprio Keith, l’eroe umano per eccellenza e se il mondo di oggi ha bisogno di eroi per andare avanti forse sarebbe proprio la generosità di Keith il super potere giusto su cui fare affidamento per salvare l’umanità!

ottobre 19, 2010 Posted by | Telefilm | , , , , , , , | Lascia un commento